IRAN, TANTA VOGLIA DI TORNARE IN UN PAESE SENZA CONFINI. APPUNTI DI VIAGGIO – TERZA PARTE

di Roberta Merighi

Davanti a noi, dietro una lastra di cristallo, arde un fuoco. È tenuto acceso in quel braciere da più di 1500 anni. Quel fuoco ci fa pensare, ci costringe ad allargare i confini della storia che ci portiamo dentro. Fa ricordare cose che avevamo studiato o letto ma che poi avevamo accantonato in un angolo della memoria: quel fuoco è il simbolo, la manifestazione, del dio Ahura Mazda, il dio del profeta Zaratustra. Lo zoroastrismo, la religione da lui fondata più o meno alla fine del secondo millennio a.C. e diffusasi in tutto l’altopiano iranico, è ritenuta la più antica religione che riconosca un dio unico e onnipotente, appunto Ahura Mazda.

Questa fu la religione di Ciro il Grande, di Serse e di Dario cioè dei conquistatori e regnanti dell’impero achemenide, esteso dall’Asia all’Africa e all’Europa dal VII al IV sec. a.C. Ed anche se non imposta alle popolazioni dominate, perché Ciro con accortezza e lungimiranza aveva lasciato libertà di culto, non fu scalfita dai conquistatori greci e fu professata, poi, sotto l’impero sasanide fino alla conquista araba del 642 d.C. e alla conseguente diffusione dell’Islam. Continue reading

APPETIZER BOOKS: IL BOSCO DELLE VOLPI IMPICCATE – ARTO PAASILINNA

di Francesco Colombrita

Edito Iperborea, 2016, pp. 279

Cosa porta in un piccolo cottage, incastrato tra i boschi della Lapponia, un gangster impenitente, un militare in congedo lievemente alcolizzato, una vecchia, ultima degli Skolt, e il suo gatto Jermakki? Cosa trascina tra quei boschi una decisa necessità di girare le pagine tra una risata e un’amarezza? 

Continue reading

FESTA DI TESSERAMENTO 2019 – IN VIAGGIO!

di Beatrice Collina

Un nuovo anno è iniziato e Metro-Polis è pronta a ripartire, con attività ormai consolidate, ma anche con tantissime novità. Inaugureremo il 2019 con la consueta Festa di Tesseramento, la Festa di compleanno di Metro-Polis è un’occasione per rivedersi dopo le feste, raccontarsi come le abbiamo passate e scoprire, divertendoci, le sorprese che ci aspettano nei prossimi mesi.

Partiamo dalla prima certezza della serata: la nostra immancabile lotteria, un momento di leggerezza che porta con sé tanti premi (sempre in linea con i principali interessi della nostra Associazione, ovvero buon cibo e cultura!) e tanta allegria. E tuttavia anche importante strumento di autofinanziamento per le nostro molteplici iniziative. Sì perché quest’anno presenteremo non solo gli Aperitivi a Tema, alla cui programmazione hanno partecipato con ricche proposte le socie e i soci, ma anche due percorsi a essi paralleli. Continue reading

EDUCAZIONE QUOTIDIANA DI DISUMANITÀ

di Angelo Errani

17 novembre 1938

Il 17 novembre 1938, venne emanata la Legge n. 1728, Provvedimenti per la Difesa della Razza, firmata dal capo del governo Benito Mussolini e promulgata dal re Vittorio Emanuele III.

Novembre 2018, sono passati ottant’anni. Tutto risolto? Possiamo stare tranquilli?

27 novembre 2018

Il 27 novembre 2018 il Parlamento italiano ha approvato la Legge Decreto sicurezza, firmato dal ministro dell’interno Matteo Salvini.

Continue reading

LEZIONI DI ASTROLOGIA: CAPRICORNO – SATURNO NELL’ASTROLOGIA, NEL MITO, NELL’ARTE

di Rosalba Granata

Albrecht Dürer, Melancolia I, 1514, incisione (23,9 cm x 28,9 cm).
Secondo la tradizione astrologica Saturno era legato al sentimento della malinconia.
Nell’opera di Dürer una figura alata assorta nei suoi pensieri si trova circondata da oggetti propri del mondo alchemico. L’incisione identifica la malinconia nelle connotazioni negative ma una speranza può venire dalle chiavi della conoscenza che cadono dalla gonna della donna.

«Saturno è alla periferia estrema della realtà; come signore della profondità estrema, guarda il mondo dall’esterno […] cogliendone astrattamente la struttura. L’interesse per la struttura ne fa il principio dell’ordine».

(J. Hillman, Puer-Aeternus)

Saturno è il sesto pianeta del Sistema solare e il secondo più massiccio dopo Giove. Ha una massa 95 volte superiore a quella della Terra.

È composto per il 95% da idrogeno e per il 3% da elio e classificato “gigante gassoso”, come Giove, Urano e Nettuno.

Ha un esteso e vistoso sistema di anelli che consiste principalmente in particelle di ghiacci e polveri di silicati. Intorno al pianeta orbitano una sessantina di lune tra le quali la maggiore, Titano, ha una propria atmosfera. Continue reading

APPETIZER BOOKS: LA RAGAZZA DEL CONVENIENCE STORE – MURATA SAYAKA

di Francesco Colombrita

Edito E/O, 2018, pp. 168

La vita in un konbini è meravigliosamente persistente, ripetitiva, ordinata. Le giornate si susseguono con affidabile monotonia, donando il calore del nido agli avventori abituali. La maggior parte sono aperti ventiquattro ore al giorno, sette giorni su sette. Vendono merendine, dolcetti, bevande, tramezzini, ramen, caffè, cioccolatini. E acqua, nei giorni molto caldi bisogna sapere che bisogna sistemare più bottigliette sugli scaffali e nei frigoriferi. 

Continue reading

CINQUE TITOLI IN DOTE: LETTERE A UN GIOVANE POETA – RAINER M. RILKE

Per entrare a far parte di Metro-Polis non si richiede alcuna appartenenza politica o confessione religiosa, così come non è richiesta nessuna adesione a correnti di pensiero o credo ideologici.
L’unico invito che rivolgiamo a chi vuol diventare nostro socio, è quello di portarci in dono cinque titoli: possono essere titoli di libri, di film, di articoli di giornali, di canzoni, di poesie, di telefilm, di interviste, etc… L’importante è che questi titoli riflettano l’identità di chi li porta con sé in dote, in modo da poter costruire insieme l’identità collettiva di Metro-Polis.

In questa rubrica potrete trovare, mese per mese, i Titoli in Dote che i nostri soci hanno deciso di condividere.

LETTERE A UN GIOVANE POETA – RAINER M. RILKE

Continue reading

LA PANZANELLA NELLA PANZA – RICICLARE IL NATALE A TAVOLA

di © Danila Faenza

Lo so che, a Natale, riciclate le fetenzìe che vi hanno regalato l’anno precedente. E fate bene, perché l’angioletto col pistolino che fa la pipì a voi fa schifo, ma la prozia Reginalda esulterà davanti a cotanta finezza. E che dire di quella stupenda vestaglia di ciniglia che sembra uscita (e lo è) dall’Upim del 1964? Il bisnonno (che durante gli ultimi decenni “si sente donna”) ne sarà entusiasta.

Quindi, se non vi fermate davanti a questo, potrete anche riciclare gli avanzi dei pranzi festivi, soprattutto se avete ricevuto in regalo diciassette panettoni, quindici pandori, sette confezioni di salmone affumicato, 15 quintali tra arance, mandarini, noci e datteri, 7 torroni e un buono da 1500 euro da usare presso i Centri Dentistici Malfamati.

A parte gli scherzi, le festività implicano – oltre a quei cinque chili in più – anche un grande spreco di cibo che non si consuma e si butta, oppure si lascia ad ammuffire. Non pensate alla dieta, tanto non la farete ora, ma solo quando vi troverete il colesterolo a 400 o dovrete andare al mare. Continue reading

APPETIZER BOOKS: IL CONFINE DEL PARADISO – ESMÈ WEIJUN WANG

Edito da Lindau, 2018, pp 414

di Francesco Colombrita

Si può nutrire la vita di sottili lamenti, al suono di un piano che sfiora le note più intangibili? Il piccolo David non sa proprio perché, ma capisce, intuisce, che le immagini si affollano nella sua mente un po’ troppo invasive, che non riuscire a dormire per i loro nitidi confini e l’angoscia che generano è qualcosa di strano.

Così non ne parla, cerca di ignorarle. Anche quando non riesce proprio a uscire di casa, bloccato dall’indecisione e dall’intrusività di quei pensieri inquietanti e pervasivi. Suonare il pianoforte gli piace, lo mette in connessione con qualcosa che va al di là di lui e che pure è perfettamente tangibile, giacché a chiare lettere dorate quello strumento porta inciso il suo cognome. Viene da una fabbrica del padre, costruita prima della guerra, uno di quei sogni americani che si è realizzato, sente dire, perché non è da tutte le famiglie polacche immigrate nel nuovo mondo riuscire in un’impresa del genere.  Continue reading

VOLERSI CINEMATOGRAFICAMENTE BENE A NATALE

di Alessandro D’Argento

C’è un uomo a cui dobbiamo tanto. Sia ben chiaro.

C’è un uomo che 175 anni or sono ci ha richiamati all’ordine, ci ha condannati e poi ci ha redenti.

Con un suo breve e potente racconto continua a metterci in discussione. Un uomo che continua a insegnarci come un cuore consumato dall’avidità e dall’egoismo possa essere risanato dalla misericordia. Un uomo creatore di miti. È Charles Dickens, e quel racconto porta il titolo di A Christmas Carol, Un canto di Natale, o, meglio ancora, se vogliamo fare i musicologi schizzinosi, Una carola di Natale. Continue reading