IN FUGA VERSO LA LAPPONIA

di Francesco Colombrita

Novembre si avvia verso la fine, l’autunno si fa sempre più rigido e La Biblioteca di Babele, il Club del libro targato Metro-Polis, avanza inesorabile con i suoi appuntamenti. Continua il nostro percorso all’insegna dell’esplorazione del tema del viaggio, questa volta declinato come fuga. Dalla realtà, dalla propria vita, dalle conseguenze delle nostre azioni? Ma soprattutto verso cosa? Il titolo scelto per sondare questi aspetti è Il bosco delle volpi impiccate di Arto Paasilinna, autore di culto in Finlandia e non solo, che ci trascinerà nei boschi innevati della Lapponia insieme a personaggi stravaganti e imprevedibili, colorati da una scrittura ricca di ironia e sorrisi amari. 

Quale lettura migliore per l’inverno di una che immerga nel silenzio di boschi innevati e lontani? I personaggi di questo romanzo sono tutti in fuga da qualcosa, ma ci si accorgerà ben presto che è la meta di questo viaggio a dover essere davvero cruciale. 

La Biblioteca di Babele vi aspetta domenica 24 novembre alle 18, al Centro Socio Ricreativo Culturale Stella, in via Ludovico Savioli 3, a Bologna. 

LA BIBLIOTECA DI BABELE – LA LINGUA SALVATA

di il Club del libro

Nell’autunno incipiente, il Club del libro di Metro-Polis si è ritrovato per continuare il viaggio nei viaggi possibili che è il tema stesso alla base del percorso che si è deciso di intraprendere nel 2019. Tra le varie declinazioni che si sono scelte di questo vasto concetto, a partire dal viaggio nella libertà e proseguendo nel viaggio come disvelamento, come esplorazione di genere, come memoria, migrazione, conoscenza, non poteva mancare un ribaltamento simbolico delle istanze sopra citate: passare dal viaggio attraverso qualcosa a quel qualcosa che ci attraversa e si fa viaggio. Il titolo scelto per questo incontro è stato infatti La lingua salvata di Elias Canetti, premio Nobel per la letteratura nel 1981. In sintesi, la vita come viaggio! 

Continue reading

BIBLIOTECA DI BABELE: VIAGGIO NELLA VITA COME SCRITTURA

di Francesco Colombrita

Una frequente domanda che interroga critici letterari e lettori curiosi è da sempre quella del rapporto tra un autore e la sua opera. Quanto Flaubert ha messo della propria esperienza nello scrivere Madame Bovary, corrisponde a vero che bastò una notizia di cronaca a scatenare la sua penna? Ancor di più: è Fitzgerald colui che si cela dietro la maschera di Nick Carraway, narratore del Grande Gatsby? Il tema diviene dirompente e si annulla quando la finzione si mette da parte e si dichiara fin da subito che le vicende davanti a noi sono una storia autentica, autobiografica, il racconto di una vita. Continue reading

BIBLIOTECA DI BABELE: VIAGGIO NELLA SESSUALITÀ

di Francesco Colombrita

A partire dal ‘900, lo sviluppo della sessualità è divenuto centrale nell’analisi dell’animale umano. Freud ne ha fatto il fulcro dello sviluppo dell’individuo fin dalla sua nascita e una cultura sempre più svecchiata sta lentamente abbattendo alcuni dei tabù in cui siamo immersi. Il disvelarsi di una narrazione del genere umano, più legata alla carne che all’ambizione paradisiaca o salvifica post mortem, trova aderenza nella rilettura di miti, fiabe e leggende, tra le cui parole si celerebbero da sempre tracce di quello sviluppo che l’esploratore dell’inconscio ha definito psicosessuale: una strada costellata di traumi e negazioni. Continue reading

LA BIBLIOTECA DI BABELE – IL VIAGGIO COME RICERCA DEL SAPERE

di Rosalba Granata
Zenone è il protagonista de
L’opera al nero di Marguerite Yourcenar , libro prescelto per il mese di luglio all’interno del Club del libro di Metro-Polis. Medico, alchimista, filosofo, astrologo, “avventuriero del sapere”, Zenone attraversa l’Europa del Cinquecento, l’Europa dell’intolleranza e delle guerre di religione, spinto dalla ricerca di se stesso, della propria identità e dalla curiosità di conoscenza.

Nel suo destino si alternano fasi di fortuna e a fasi di caduta, la sua natura è quella del diverso, figlio illegittimo, omosessuale, perseguitato, eretico. (altro…)

LA BIBLIOTECA DI BABELE – EXIT WEST DI MOHSIN HAMID

di Il club del libro

A giugno la Biblioteca di Babele, il club del libro targato Metro-Polis, ha continuato il percorso all’interno dell’istanza del viaggio dedicando l’incontro a Exit West, di Mohsin Hamid. Il tema è quello della migrazione, affrontato con un piglio decisamente originale.

In un mondo molto simile al nostro, che difficilmente potremmo mancare di riconoscere, si verifica un fenomeno piuttosto strano. Alcune porte, dicono, iniziarono a mutare, trasformandosi e divenendo passaggi per altri luoghi del pianeta: Continue reading

BIBLIOTECA DI BABELE – IL VIAGGIO COME MIGRAZIONE

di Francesco Colombrita

Il movimento è stato da sempre una caratteristica dell’umanità. La Storia, in particolare quella antica, è cadenzata dal ritmo di popoli e persone che da un luogo ne raggiungono un altro. L’infinito incedere di passi che compiono chilometri e chilometri, in cerca di risorse, possibilità, speranza o ricchezza. La stessa Europa, rapita da Zeus, era figlia di Agenore, re di Tiro. Continue reading

LA BIBLIOTECA DI BABELE – QUEL CHE RESTA DEL GIORNO

di il Club del libro

Il club del libro di Metro-Polis di maggio ha avuto come protagonista Quel che resta del giorno di Kazuo Ishiguro, premio Nobel per la letteratura nel 2017. Continua la nostra personale declinazione del tema del viaggio che, dopo aver corso sui rami degli alberi con Calvino, averci portato in giappone alla ricerca di identità perdute con Murakami e in Liguria con un gruppo di strane donne inglesi messe in scena da Von Arnim, si è focalizzata sul concetto di viaggio nella memoria. Ma perché proprio nella memoria?

Continue reading

LA BIBLIOTECA DI BABELE – NEL SEGNO DELLA PECORA

di Il club del libro

Il club del libro targato Metro-Polis ha visto il suo secondo incontro dedicato al romanzo di esordio di Murakami Haruki, Nel segno della pecora. Uscito nel 1982 e scritto dopo due romanzi brevi, questo libro del celebre scrittore giapponese ha in nuce gran parte di quelle che sono le linee della poetica dell’autore.

Un giovane pubblicitario vive da anni in una sorta di limbo. Nulla di particolare o rilevante accade nella sua vita. Almeno da dieci anni dichiara di sentirsi staccato da sé stesso, lontano. Ma qualcosa è in agguato per cambiare tutto questo. Una piccola frattura, di poco conto, dà il via a una lunga presa di coscienza e a un viaggio. La direzione pare essere quella della consapevolezza. Murakami gioca in questo testo sull’ambivalenza che intercorre tra mondo onirico e realtà, alternandoli di frequente, tanto da far smarrire la certezza di dove ci si trovi. Continue reading

BIBLIOTECA DI BABELE – IL VIAGGIO COME DISVELAMENTO

di Francesco Colombrita

«Non t’assale mai il dubbio, o sognatore, che tutto può essere velo di maya, illusione?»

Walt Whitman

Spesso, nella vita, si è assorbiti da un movimento perpetuo. Un flusso che ci trasporta da un punto all’altro, instancabile. Gli eventi si susseguono costantemente uguali e ogni riflessione non può prescindere da quegli stessi schemi che la generano. Ma è possibile vedere qualcosa da un punto più lontano, con la chiarezza dell’alterità? E vedendo noi stessi sotto questa nuova luce, non potremmo a quel punto scorgere diversamente tutto il resto?

Schopenhauer, ormai secoli fa, predicava un mondo nient’affatto reale, consistente solo in un velo posato sugli occhi di un soggetto che osserva. Al di là di questo, il nulla. Riprendendo dai Veda tale figura, si confermava la necessità di un percorso, una strada, che portasse noi stessi a strappare ogni illusione. Se non altro per raggiungere una consapevolezza più alta. Continue reading